L’adolescente, e il suo desiderio di essere contemporaneamente come tutti gli altri e come nessun altro. (Jacques Drillon)

L’adolescente, e il suo desiderio di essere contemporaneamente come tutti gli altri e come nessun altro.
(Jacques Drillon)

L’adolescenza rappresenta quella fase della vita che segna il passaggio dall’età infantile all’età adulta.
E’ caratterizzata da importanti e repentini mutamenti di tipo biologico, psicologico e sociale che coinvolgono l’intera persona e il suo contesto relazionale. I ragazzi si trovano a dover costruire una nuova immagine di sé, conciliando i rapidi cambiamenti indotti dalle modificazioni fisiologiche con le forti pressioni sociali provenienti dal mondo esterno. È frequente che gli adolescenti manifestino difficoltà a comunicare con gli adulti, che a loro volta mostrano un elevato grado di difficoltà a comprendere i ragazzi, ad accettarne il cambiamento e a rispondere positivamente ai loro nuovi, e spesso contraddittori, bisogni: di autonomia, ma anche di protezione e di conferma. Alcuni passaggi possono presentarsi impegnativi, altri abbastanza  semplici anche se un po’ faticosi, a volte invece ci si può sentire in grave difficoltà e i problemi possono apparire insormontabili.
Se il disagio perdura nel tempo può causare difficoltà sul piano emotivo e/o comportamentale.
E’ necessario offrire una risposta tempestiva ad una richiesta d’aiuto a volte verbalizzata, a volte agita attraverso comportamenti disfunzionali (comportamenti a rischio) o sentimenti emotivi negativi (isolamento sociale, basso tono dell’umore).
I colloqui di valutazione con il ragazzo hanno l’obiettivo di individuare gli aspetti problematici e di aiutare l’adolescente a osservare se stesso. Sulla base dei bisogni emersi si effettuano percorsi psicologici che hanno l’obiettivo di incoraggiare e sostenere il processo di crescita e sviluppo della propria identità.

X

Pin It on Pinterest

X