Genitori.jpg1

L’impresa più difficile dell’essere genitori è lasciare che le nostre speranze per i figli abbiano la meglio sulle nostre paure.
(Ellen Godman)

Favorire lo sviluppo personale e sociale dei propri figli non è un compito semplice, le problematiche educative e relazionali tra genitori e figli possono insorgere precocemente, già dal secondo anno di vita sino all’età adolescenziale. Il genitore può trovarsi in difficoltà nel far rispettare le regole comportamentali, nel riuscire a sintonizzarsi emotivamente con il proprio figlio, nello stabilire una comunicazione efficace. Sono previsti percorsi rivolti a tutti i genitori che hanno bisogno di aiuto per le difficoltà o le problematiche poste dai loro figli o che più semplicemente desiderano  porre domande o confrontarsi su questioni educative.
-Sostegno alla genitorialità: capita che papà e mamma abbiano solo bisogno di essere sostenuti nel progetto genitoriale  o in una nuova situazione familiare. Spesso le risorse per farcela ci sono già,  i genitori devono solo essere aiutati a riconoscerle.
-Incontri psico-educativi: hanno la finalità di aiutare i genitori ad accedere ad  informazioni corrette e basate sull’evidenza scientifica in particolare in materia di disturbi dello sviluppo. E’ dimostrato che l’acquisizione di una maggior consapevolezza aumenta notevolmente il senso di autoefficacia e conseguentemente la capacità di fronteggiare in modo positivo e costruttivo situazioni critiche.
-Parent Training: attività di formazione al fine di raggiungere una  chiara  comprensione del problema e   soprattutto  sviluppare maggiori  competenze nella risoluzione di problematiche inerenti la gestione dei comportamenti disfunzionali agiti dai  figli.  La scelta del tipo di percorso di Parent Training, se per la coppia genitoriale singolarmente o in gruppo, è a discrezione del professionista, sulla base delle necessità di ogni specifica situazione. Solitamente  i gruppi sono costituiti da genitori di figli aventi la stessa problematica ed età, per esempio: disturbi dell’apprendimento, deficit di attenzione e iperattività, disturbi del linguaggio, disabilità intellettiva ecc. Negli incontri  i genitori partecipano attivamente  attraverso discussioni ed esercitazioni.

X

Pin It on Pinterest

X